Omega Centauri (NGC 5139): il re degli ammassi globulari

Omega Centauri (NGC 5139), l’ammasso Globulare più incredibile del cielo, in grado di far impallidire il pur maestoso Messier 13, qui si mostra in tutta la sua disarmante e spettacolare bellezza.

Il Glorioso Ammasso Globulare NGC 5139, "Omega Centauri"

Il Glorioso Ammasso Globulare NGC 5139, “Omega Centauri”

Posto a circa sedici mila anni luce dalla Terra e contenente diversi milioni di stelle, rappresenta uno degli oggetti più affascinanti ed emozionanti, da poter osservare e riprendere con i nostri e vostri telescopi.

Con un’età stimata di circa 12 miliardi di anni, Omega Centauri sarebbe, secondo un’accreditata teoria, il cuore rimasto di un’antica galassia, inglobata poi nella nostra Via Lattea; un ammasso globulare da record, non solo per la nostra Galassia, ma per l’intero Gruppo Locale, essendo infatti il secondo di tale categoria di oggetti per dimensioni, superato soltanto dall’altrettanto incredibile Mayall II, orbitante attorno a Messier 31 (Galassia di Andromeda).

L’immagine di cui sopra deriva dalla combinazione di venti immagini da 60 secondi ciascuna, non filtrate, ottenute in remoto mediante l’unità robotica Tenagra III (“Pearl”) da 16″-f/3.75, parte del Tenagra Observatories in Arizona. La camera CCD è basata sul sensore KAF-16801 CCD, qui usata in binning 2×2. La scala risultante è di 2.4″/pixel.

Per quanto meraviglioso ed incredibile, Omega Centauri (NGC 5139), non è però alla portata di tutti: posto nella costellazione del Centauro, ad una declinazione di -47°, esso risulta osservabile soltanto al di sotto dal quarantesimo parallelo nord, rendendolo di fatto uno scrigno del tutto nascosto per gran parte delle popolazioni dell’emisfero boreale. Durante le nostre riprese, peraltro, l’oggetto era ad appena 10 gradi di altezza sull’orizzonte, eppure ancora bellissimo.

L’osservatorio che ospita il telescopio è collocato a 1300 metri sul livello del mare, nel deserto di Sonora, sotto uno dei cieli più belli del mondo. Questa immagine è stata ottenuta nell’ambito di una collaborazione tra il Virtual Telescope Project e il Tenagra Observatories, Ltd., che verrà annunciata a breve.

Torna alla pagina “Ammassi Stellari”

Supporta il Virtual Telescope Project!

Se ognuno donasse qualcosa ora, la nostra campagna di fundrising si concluderebbe in pochi giorni. Dona ora e ricevi un'immagine di un asteroide potenzialmente pericoloso ripreso con il Virtual Telescope, realizzata in ESCLUSIVA per i nostri sostenitori!

dona ora (puoi modificare la somma successivamente)

 

Comments

comments

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Follow

Ricevi ogni nuovo articolo di questo sito direttamente via email.

Unisciti agli altri lettori: