Cometa 174P/Echeclus post-outburst: evoluzione (21 Gennaio & 15 Febbraio 2018)

La cometa 174P/Echeclus è stata protagonista di un outburst, all’inizio dello scorso mese di dicembre 2017. Di recente, siamo riusciti a riprenderla di nuovo, riscontrando che una debole chioma è ancora visibile. Di seguito vi presentiamo le nostre immagini.

La cometa 174P/Echeclus, ripresa il 21 gennaio 2018

La cometa 174P/Echeclus, ripresa il 21 gennaio 2018

L’immagine qui sopra deriva dalla media di sei esposizioni da 300 secondi, ottenute in remoto con l’unità robotica “Elena” (PlaneWave 17″+Paramount ME+SBIG STL-6303E), disponibile presso il Virtual Telescope. Una debole chioma è facilmente visibile intorno al falso nucleo, mentre un mese prima si presentava decisamente più luminosa e più piccola.

Poche settimane dopo, mentre il cielo non era proprio perfetto, abbiamo utilizzato lo stesso telescopio di sopra per riprendere nuovamente questo intrigante oggetto. Dopo aver ridotto e sommato le riprese CCD acquisite, abbiamo ottenuto l’immagine seguente:

La cometa 174P/Echeclus, ripresa il 15 febbraio 2018

La cometa 174P/Echeclus, ripresa il 15 febbraio 2018

 

L’immagine deriva dalla media di 12 esposizioni da 300 secondi, ottenute in remoto con l’unità robotica “Elena” (PlatetWave 17”+Paramount ME+SBIG STL6303E) disponibile presso il Virtual Telescope. La chioma è significativamente più debole rispetto alle nostre osservazioni di gennaio, mostrando però una forma simile. Il cielo non era molto buono, quest’inverno è stato spesso nuvoloso nel nostro sito in Italia.

La Cometa 174P/Echeclus è stata scoperta nel 2000, quando mostrava un aspetto stellare e fu classificata come Centauro (con numerazione 60558), ma nel dicembre 2015 essa ha mostrato chiare caratteristiche cometarie. Nel settembre 2016 è stata avvistata in outburst e abbiamo potuto seguirla per alcune settimane.

Abbiamo osservato frequentemente quest’oggetto, dal quando esso è tornato in outburst lo scorso mese di Dicembre 2017, dall’Italia e dall’Arizona, grazie alla nostra partnership con il Tenegra Observatories.

Questo lavoro è parte di questa cooperazione ed abbiamo in programma di presentare tutte le immagini al più presto.

Traduzione di Andrea Curzi

Torna alla pagina “Sistema Solare”

Supporta il Virtual Telescope Project!

Se ognuno donasse qualcosa ora, la nostra campagna di fundrising si concluderebbe in pochi giorni. Dona ora e ricevi un'immagine della Luna in eclissi sul Colosseo e una di un asteroide potenzialmente pericoloso ripreso con il Virtual Telescope, realizzata in ESCLUSIVA per i nostri sostenitori!

dona ora (puoi modificare la somma successivamente)

 

Comments

comments

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Follow

Ricevi ogni nuovo articolo di questo sito direttamente via email.

Unisciti agli altri lettori: